Il Padrino

Il padrino scena film Sicilia
marlon brando il padrino
il padrino
il padrino
Il Padrino film in Sicilia

 

Il padrino (The Godfather) è un film gangster del 1972, prima pellicola dell’omonima trilogia che porta la firma di Francis Ford Coppola e annovera nel cast nomi quali Marlon Brando, Al Pacino, James Caan, John Cazale, Robert Duvall, Talia Shire e Diane Keaton, ispirata al romanzo omonimo di Mario Puzo.

La pellicola, ispirata al romanzo di Mario Puzo, ha ricevuto tre premi Oscar nel 1973Miglior film ad Albert S. Ruddy, Miglior attore protagonista a Marlon Brando, Migliore sceneggiatura non originale a Francis Ford Coppola e Mario Puzo – ed è ritenuta una pietra miliare della storia del cinema.

Nel 1998 l’American Film Institute l’ha inserito al terzo posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi. Dieci anni dopo il film sale di un posto la classifica. Sempre al secondo posto anche nella classifica dell’Internet Movie Database, mentre la rivista Empire lo considera come il film più bello di tutti i tempi, al primo posto su una lista di ben 500 pellicole celebri.

Il film si trova al 20° posto nella classifica dei film record d’incassi nella storia del cinema (oltre 144.234.000 di dollari in tutto il mondo) e insieme a Casablanca è il film con più passaggi TV nella storia (135).

SINOSSI DEL FILM

New York, 1945. La storia inizia con Don Vito Corleone (Marlon Brando), Padrino di una nota “famiglia” mafiosa di New York, che festeggia nella sua villa vigilata dai “picciotti” il matrimonio alla “siciliana” della figlia Connie (Talia Shire, sorella del regista). Il suo amato figlio Michael (Al Pacino) è appena tornato a casa dalla guerra, ma non intende entrare a far parte del business del padre. La sua organizzazione gestisce un enorme giro di affari illegali nei quali Don Vito coinvolge l’iracondo primogenito Santino detto Sonny (James Caan), Fredo (John Cazale), secondogenito non molto scaltro, e il figliastro Tom Hagen (Robert Duvall), avvocato rampante divenuto braccio destro del Capo. Nessuna violenza, ma l’offerta di amicizia in cambio di devozione e riconoscenza totale verso il Capo indiscusso della famiglia.  Il Paese però sta cambiando e non tutti sono disposti a seguirlo, andando in cerca di nuove alleanze.  Un personaggio, che in seguito si rivelerà un tenace rivale della famiglia Corleone, vuole iniziare a vendere la droga a New York e ha bisogno dell’influenza di Don Vito per portare avanti il suo piano. Virgil Sollozzo (Al Lettieri), questo il vero nome del pericoloso trafficante di droga chiamato “Il Turco”, affiliato al clan Tattaglia, una delle cinque famiglie newyorkesi, chiede protezione e appoggio finanziario per un milione di dollari a Don Vito, al fine di impiantare un traffico di stupefacenti di vasta portata. Il capo rifiuta il proprio appoggio al nascente affare della droga, nonostante il parere favorevole di Santino e di Tom. Scoppia così tra le famiglie mafiose una feroce guerra fatta di reciproci attentati ai capi e rappresentanti. I vecchi valori del Padrino si stanno dissolvendo e un prezzo terribile si presenta da pagare per la nuova piega che prenderanno gli affari della famiglia…

IL TRAILER

LA SICILIA DE IL PADRINO

La maggior parte delle riprese si sono svolte dal 29 marzo al 6 agosto 1971, per lo più a New York, per un totale di 77 giorni di girato. Le scene ambientate a Corleone in verità furono girate in provincia di Catania, a Fiumefreddo di Sicilia, nella fattispecie al Castello degli Schiavi. Altre scene furono girate a Forza d’Agrò, a Savoca e a Motta Camastra, in provincia di Messina. Celebre il Bar Vitelli di Savoca, sede dell’incontro tra Michael Corleone (Al Pacino) e il padre di Apollonia. Ancora, la Chiesa di S. Nicolò a Savoca, dove è stato ripreso il matrimonio tra Michael e Apollonia. Inoltre, la cattedrale della SS Annunziata di Forza d’Agrò, in provincia di Messina, di fronte alla quale venne girata la scena di Michael Corleone e dei suoi guardaspalle che camminano per le strade di Corleone.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row] INFO »