Monthly: June 2015

La Sicilia attrae l’America come meta congressuale: la conferma a Imex

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

“Interesse oltre le aspettative da Usa e America del Sud per la Sicilia come meta congressuale all’Imex di Francoforte. Il Sicilia Convention Bureau ha infatti registrato numeri lusinghieri con oltre 45 buyer della meeting industry incontrati ed altri 25 operatori mice tra le eccellenze siciliane nell’hotellerie e nell’organizzazione di eventi”.

INFO »

EuroMed 2015, good performance for Palermo (INTERVIEW)

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

Dall’11 al 14 Maggio scorso Palermo è stata l’affascinante teatro che ha accolto la Conferenza Internazionale Euromed 2015. L’evento, organizzato con cadenza biennale, coinvolge i più importanti attori che operano nel settore della dissalazione e del trattamento delle acque intorno al bacino del Mediterraneo e non solo, attirando ricercatori e stake-holders da più di 50 paesi internazionali. EDS, in collaborazione con l’Università di Palermo, ha curato l’organizzazione dell’edizione 2015, scegliendo la Sicilia come location ideale per accogliere gli oltre 280 partecipanti. Palazzo Steri-Chiaramonte, sede del Rettorato, ha ospitato la conferenza d’apertura dei lavori, con la presentazione dei risultati dei recenti progetti di ricerca finanziati dal VII Programma Quadro e dal Programma Horizon 2020 relativi allo sviluppo di nuove tecnologie per la generazione di acqua potabile ed energia da fonti non convenzionali, che hanno visto protagonista l’Università di Palermo, con il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica dell’Università di Palermo, composto da Giorgio Micale, Andrea Cipollina, Onofrio Scialdone, Alessandro Tamburini, Michele Tedesco, Luigi Gurreri, Adriana D’Angelo, Maurizio Bevacqua.

Sicilia Convention Bureau ha avuto il piacere di essere interlocutore privilegiato sul territorio per la European Desalination Society (EDS). Molti i partner SCB operativamente coinvolti nell’organizzazione dell’EuroMed 2015, da Servizitalia a SaisTour, fino a NH Hotel Palermo, sede dell’evento per le quattro giornate.

Serena Buonsangue

La scelta di Palermo è risultata vincente per la sua capacità di “attrazione turistica” e la possibilità di offrire, nell’ambito della conferenza, esperienze veramente particolari (ad es. cena di gala, visita tecnica, ecc.). Tuttavia, dal punto di vista organizzativo tutto è stato molto complicato, nulla semplice, dalla totale assenza di un centro congressi per eventi di questo tipo (è necessario farsi ospitare da strutture alberghiere dotate di sale congressi) alla inattesa difficoltà nel reperire materiale informativo e turistico (mappe, dépliant, etc.) per i partecipanti.

 

2)            I partecipanti hanno fortemente apprezzato l’attenzione che

l’organizzazione ha avuto nel curare ogni più piccolo dettaglio dell’evento, cosa che ci rende pieni di orgoglio e gratifica tanti giorni di intenso ed estenuante lavoro.

 

3)            Moltissimo. Nonostante noi conoscessimo molto bene la città e le

dinamiche sociali ad essa collegate, se non fosse stato per SCB non avremmo mai conosciuto luoghi, persone e aziende di servizi locali che hanno in fine dato un contributo fondamentale alla buona riuscita dell’evento.

 

4)            A parte le difficoltà logistiche sopra esposte, superate grazie

all’impegno del comitato organizzativo e di SCB, la conferenza in sé è stata un successo. L’unico vero neo è stata l’organizzazione delle attività “turistico-culturali” parallele per partecipanti ed accompagnatori. Infatti, non vi è stata alcuna agenzia o tour operator in grado di proporre offerte turistiche per visitare le bellezze storico-culturali-ambientali della nostra terra con una gestione last-minute delle iscrizioni.

 

Gli eventi che avevo organizzato fino ad oggi erano stati eventi di piccole dimensioni e non mi ero mai resa conto della mole di lavoro che sta dietro all’organizzazione di un evento così importante. Il sapere che in Sicilia ci fosse un interlocutore come SCB mi ha fatto molto piacere, riconoscendo che una efficace interazione con loro può veramente essere d’aiuto nello scoprire le eccellenze del nostro territorio e nel riuscire a renderle fruibili anche in occasione di un evento scientifico internazionale.

 

INFO »